Barletta 18 maggio 2018: Seminario di ASSOIMPRESE

Mi piace aprire con un detto di una persona che si è affermata grazie alle sue capacità imprenditoriali, tracciando una via per conseguire anche traguardi importanti: “Ritrovarsi insieme è un inizio, restare insieme è un progresso, ma riuscire a lavorare insieme è un successo”; è quanto sosteneva Henry Ford, un uomo il cui successo non può essere messo in discussione da alcuno. Personalmente auspico che questa massima possa trovare riscontro pratico anche tra i soci e i simpatizzanti di Assoimprese  di Barletta, che ha voluto  organizzare  un seminario, svoltosi il 18 maggio u. s.  c/o il Centro di Formazione ed Orientamento al Lavoro Elabpoint, sito nella città della Disfida  in via Trani n.114/122,  intitolato “Informazioni di nutrizione consapevole”;  grazie all’intervento di alcuni validi esperti sono state partecipate comunicazioni scientifiche ed esperienze pratiche di tutto rispetto:

  • La nutrizionista Irene CORNACCHIA che, oltre a dire della giusta e adeguata alimentazione e dei vari elementi di cui ha bisogno il nostro corpo, ha posto l’accento sull’importanza dell’acqua come elemento fondamentale per la nutrizione, che garantisce i processi metabolici in un organismo vivente;
  • Il medico Pietro VICENTI, che ha evidenziato l’importanza per la nostra salute della qualità e genuinità degli alimenti autoctoni, il famoso cibo a km zero, che ben si coniugano con il benessere psicologico e mentale dell’organismo;
  • “Noi siamo quello che mangiamo”, ha sostenuto Nicola VENTAFRIDDA, responsabile del dipartimento Agrimpresa: appare pertanto fondamentale la rivalutazione della dieta mediterranea e i vantaggi in termini di salute dei prodotti tradizionali e genuini del nostro territorio;
  • Fedele GUIDA, docente all’Università dell’Arte Bianca del Sud Italia, che soffermandosi a trattare della pizza, ha posto molti interrogativi: qual è la migliore? … e …  il glutine la aiuta o la danneggia? Come deve essere una pizza per essere digeribile? Dove finiscono quelle vitamine e gli oligoelementi, sostanze amiche della nostra salute, presenti nel cariosside lavorato per ottenere le farine per la pizza? Tali domande potranno aumentare il livello di attenzione dei cittadini nei confronti della qualità dei prodotti di consumo da ricercare e richiedere.
  • L’esempio pratico della molitura a pietra, l’antica tecnica di macinazione per la produzione di farine di alta qualità, che sono trasformate in ottimi prodotti da forno, trova un sostenitore accanito e convinto in Vincenzo PAOLILLO, che continua a volersi definire fornaio, ma nei fatti sembra essere un ricercatore di qualità, riuscendo a dare scientificità alla sua attività di panificatore, quando decide di trovare nella storia gli elementi fondanti del ben-Essere alimentare, rispettandoli anche nelle fasi della loro trasformazione: il suo impiego passionale di mulini a pietra, che trattano il frumento, trasformandolo senza modificarlo nei suoi componenti e preservandone qualità organolettiche da molti dimenticate, è senza dubbio un esempio straordinario e coraggioso di come riappropriarsi della storia e della cultura propria di un territorio.

L’evento si è terminato con la degustazione di alcuni prodotti offerti gentilmente da Vincenzo Paolillo, grazie ai quali i partecipanti hanno riscoperto antichi sapori non del tutto dimenticati.

Concludo la sintesi di questo evento informativo con un messaggio educativo di vita esperita, apparentemente insistente, ma che vuole essere soltanto un civile e persuasivo invito  rivolto agli appartenenti di Assomprese: “un peso diventa più leggere quando a trasportarlo sono in molti” (Ennodio).

Un caro saluto a tutti e … alla prossima volta.

Michele SFREGOLA (Responsabile provvisorio settore comunicazione)

 

 

Bando Assegnazione Posteggi Mercatino Natalizio 2017

L’ amministrazione comunale di Barletta, con delibera di G.C. n. 169 del 24.08.2017, ha stabilito di realizzare nei Giardini De Nittis o in alternativa in Piazza Aldo Moro, o altro luogo ritenuto più confacente che l’Amministrazione si riserva di comunicare appena possibile, dal 6 Dicembre 2017 al 26 Dicembre 2017, un mercatino promozionale natalizio, costituito da n° 20 casette in legno e servizi connessi.

16 casette saranno adibite al mercatino natalizio e n. 4 casette a scopi istituzionali dell’Ente connessi alla promozione del territorio.

I soggetti ammessi a partecipare al bando sono:

  1. gli Operatori per il commercio su aree pubbliche in possesso di regolare autorizzazione amministrativa (n.12 posteggi)
  2. i creativi ex art.4, co. 2° del d.lgs. 114/98 e s.m.i. (n.4 posteggi)

I posteggi saranno aperti tutti i giorni della settimana con la seguente scansione oraria:

giorni feriali : dalle ore 17 alle 23;

giorni festivi : dalle 9 alle 13, dalle 17 alle 23.

I posteggi riservati agli operatori per il commercio su aree pubbliche saranno ripartiti secondo il
seguente schema:

1) N. 2 POSTEGGI PER LA VENDITA DI GIOCATTOLI
2) N. 3 POSTEGGI PER LA VENDITA DI ADDOBBI NATALIZI, MERCI CHE
CARATTERIZZANO IL NATALE, OGGETTISTICA DA REGALO ETC
3) N. 2 POSTEGGI PER LA VENDITA DI TORRONE E DOLCIUMI
4) N. 3 POSTEGGI PER LA VENDITA DI PRODOTTI ENOGASTRONOMICI
5) N. 2 POSTEGGI PER LA VENDITA DI BIANCHERIA INTIMA E PER LA CASA A TEMA

 

Gli uffici Assoimprese, presso il centro Elabpoint formazione ed orientamento, in via Trani 122 a Barletta, restano a disposizione di chiunque abbia la necessità di essere assistito nella compilazione e comprensione del modulo, dal lunedì al venerdi dalle ore 9 alle ore 18.

Proposta formativa, Welfare to Work 2016, di Agromnia presso il centro Elabpoint, a Barletta.

L’ente Agromnia ha presentato la proposta formativa Welfare to Work 2016, presso il centro Elabpoint formazione ed orientamento a Barletta. . Invitiamo gli interessati a recarsi, quanto prima, presso il centro per l’impiego della propria città. Per maggiori informazioni sull’intervento regionale  Welfare to Work 2016,  l’articolo è consultabile qui

Di seguito l’elenco:

  • TAGLIO DEI PELLAMI Durata 70 ore
  • IMPIANTI IDRAULICI MODULO 1  Durata 70 ore
  • PRIMI LAVORI DI SARTORIA   Durata 70 ore
  • GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DEL MAGAZZINO  Durata 70 ore
  • POSA DI RIVESTIMENTI MODULO 1  Durata 70 ore
  • ANTINCENDIO BASE ED AVANZATO  Durata 42 ore
  • MARKETING E PROMOZIONE TURISTICA Durata 280 ore
  • CONDUTTORE IMPIANTI TERMICI – PATENTINO DI 2° Durata 75 ore
  • TRASFORMAZIONE DEL PRODOTTO  Durata 70 ore
  • SOFTWARE PER LA GESTIONE DI PAGHE E CONTRIBUTI  Durata 70 ore
  • INGLESE TURISTICO LIVELLO 1  Durata 30 ore
  • MONTATORE DI MOBILI  Durata 70 ore
  • INFORMATIZZAZIONE DEL MAGAZZINO Durata 70 ore
  • BUSINESS ENGLISH -1°step (liv. A2-B1 del Council of Europe ; liv. 7 del trinity)  Durata 30 ore
  • INTRODUZIONE DELLA SARTORIA  Durata 70 ore
  • IMPIANTI TERMICI CLIMATIZZAZIONE MODULO 1  Durata 70 ore
  • IMPIANTI ELETTRICI CIVILI MODULO 1  Durata 70 ore
  • AVVIO ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE FAMIGLIARE  Durata 100 ore
  • INTRODUZIONE DELLA SARTORIA  Durata 70 ore
  • PROJECT MANAGEMENT 1  Durata 30 ore
  • COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE DEI LAVORI E COORDINATORE PER L’ESECUZIONE DEI LAVORI   Durata 120 ore
  • CONFEZIONAMENTO DEL CAPO  Durata 70 ore
  • AGENTE DI AFFARE IN MEDIAZIONE  Durata 100 ore
  • PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER  Durata 60 ore
  • LA GRAFICA OPEN SOURCE PER IL WEB  Durata 30 ore
  • AUTOCAD 2D  Durata 30 ore
  • INGLESE TURISTICO LIVELLO 2  Durata 30 ore
  • PROJECT MANAGEMENT 2  Durata 30 ore
  • COORDINATORE PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONEDEI LAVORI NEI CANTIERI EDILI E CIVILI  Durata 124 ore
  • CONTABILITA’ DI BASE  Durata 70 ore
  • BUSINESS ENGLISH  2° step (liv. B1-B2 del Council of Europe; liv. 10 del Trinity)  Durata 30 ore
  • 1 PROGETTARE E REALIZZARE UN SITO WEB: HTML  Durata 30 ore
  • LA VETRINA: Presentazione  Durata 70 ore
  • PHOTOSHOP 1  Durata 30 ore
  • POSA DI RIVESTIMENTI MODULO 2  Durata 70 ore
  • ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE MODULO 3  Durata 70 ore
  • IMPIANTI IDRAULICI MODULO 2  Durata 70 ore
  • COMMERCIO,  SOMMINISTRAZIONE  ALIMENTI E BEVANDE  Durata 120 ore
  • IMPIANTI ELETTRICI CIVILI MODULO 2  Durata 70 ore
  • AUTOCAD 2D AVANZATO  Durata 30 ore
  • IMPIANTI TERMICI/ CLIMATIZZAZIONE MODULO 2  Durata 70 ore
  • TAGLIO DELLA PIETRA  Durata 70 ore
  • L’USO DEL MULETTO IN SICUREZZA  Durata 30 ore
  • SOFTWARE DI CONTABILITA’  Durata 70 ore
  • 2  PROGETTARE E REALIZZARE UN SITO WEB: HTML  Durata 30 ore
  • INGLESE DI BASE (liv. A0 – A1 del Council of Europe – liv. 3 del Trinity)  Durata 60 ore
  • CONFEZIONAMENTO DI ARTICOLi  Di ABBIGLIAMENTO  Durata 70 ore
  • INTEGRATIVO PER L’ACQUISIZIONE DELL’ECDL (Post NIC)  Durata 30 ore
  • PHOTOSHOP 2   Durata 30 ore
  • LE TECNICHE PER L’ALLESTIMENTO DELLE VETRINE  Durata 70 ore
  • AUTOCAD 3D E RENDERING  Durata 70 ore
  • HACCP  Durata 12 ore
  • CONTABILITA’ AVANZATA  Durata 70 ore
  • ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE MODULO 1  Durata 70 ore
  • INGLESE MARITTIMO PORTUALE _ Maritime English, Port Operatives  Durata 30 ore
  • INGLESE INTERMEDIO (liv. A1 – A2 del Council of Europe; liv. 5 del Trinity)  Durata 60 ore
  • POSA DI RIVESTIMENTI MODULO 3  Durata 70 ore
  • NIC – Nucleo Informatico Concettuale – Informatica di base  Durata 90 ore
  • ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE MODULO 2  Durata 70 ore
  • IMPIANTI ELETTRICI CIVILI MODULO 3  Durata 70 ore
  • IMPIANTI IDRAULICI MODULO 3 saldatura  Durata 70 ore
  • IMPIANTI TERMICI / CLIMATIZZAZIONE MODULO 3  Durata 70 ore

Maggiori info sul percorso formativo integrale qui.

 

Nuovi corsi retribuiti Welfare to Work 2016, Elabpoint diventa sede di svolgimento corsi.

L’offerta formativa Welfare to Work 2016 della Regione Puglia, che prevede l’erogazione di corsi di formazione gratuiti e retribuiti per disoccupati, è adesso attiva presso il nuovo centro Elabpoint formazione ed orientamento, grazie all’accordo stipulato, con l’ente di formazione Agromnia.

Quali sono i requisiti per accedere ai corsi e come iscriversi.

I destinatari dei percorsi formativi finanziati, sono cittadini residenti in Puglia in possesso dei sottoelencati requisiti:
1. disoccupati percettori di ammortizzatori sociali ;
2. disoccupati privi di sostegno economico con reddito Isee superiore a 3000 euro;
3. disoccupati inseriti in accordi di ricollocazione a seguito di accordi di programma o tavoli di crisi nazionali o locali;
4. lavoratori in cassa integrazione per cessata attività;
5. beneficiari della misura “Lavoro minimo di cittadinanza” finanziati con le risorse già trasferite agli Ambiti sociali di zona ai sensi della Dgr2456/2014.

Tutti gli interessati, che si trovano in una delle situazioni sopra elencate, devono iscriversi ai corsi Welfare to work 2016, recandosi personalmente presso il Centro per l’impiego della propria città, sarà quest’ultimo a comunicare le adesioni al centro di formazione. 

Altro requisito fondamentale è l’essere iscritti al centro per l’impiego ed aver firmato il patto di servizio, un accordo stipulato per facilitare la ricerca di una nuova occupazione e che prevede l’obbligo di partecipare ai corsi da esso proposti. Chi frequenterà il 70% delle ore di frequenza, riceverà alla fine del percorso i voucher formativi retribuiti.

 

La Svezia e l’economia circolare. Chi ripara, paga meno tasse.

Ridurre le tasse ai cittadini che riparano oggetti ed elettrodomestici piuttosto che acquistarne di nuovi, è la proposta del ministero delle Finanze svedese. Un incentivo per ridurre l’uso delle risorse e le emissioni di CO2.

Iva dimezzata

L’imposta sul valore aggiunto (Iva) potrebbe essere ridotta dal 25 per cento al 12 per cento per tutte le riparazioni di bici, scarpe, tessuti, secondo il piano presentato a settembre e che dovrà entrare nel bilancio del governo per l’anno 2017. Mentre saranno previste delle deduzioni fiscali per chi ripara gli elettrodomestici. L’iniziativa permetterebbe un risparmio di circa il 10 per cento sulle riparazioni. “Crediamo che questo possa abbassare notevolmente i costi e rendere più razionale la scelta di riparare la merce”, ha dichiarato Per Bolund, ministro svedese delle Finanze. Nel 2015 sono stati recuperati almeno 58mila tonnellate di frigoriferi, congelatori e altri apparecchi, secondo i dati forniti dal governo di Stoccolma. Dato che equivale a circa sei chilogrammi per abitante. Con i nuovi incentivi si vuole quindi tentare di ridurre le quantità di elettrodomestici che finiscono in discarica.

Premiare chi ripara, è la base dell’economia circolare

La Svezia sembra aver accolto in pieno il pacchetto europeo sull’economia circolare. “Nei sistemi circolari i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile e non ci sono rifiuti. Quando un prodotto raggiunge la fine del ciclo di vita, le risorse restano all’interno del sistema economico, in modo da poter essere riutilizzate più volte a fini produttivi e creare così nuovo valore”, recita un estratto della comunicazione europea. Riduzione dei rifiuti, uso razionale delle risorse, zero (o quasi) rifiuti in discarica. Ed è probabilmente il settore tecnologico quello con i margini di miglioramento maggiori. “Il settore hi-tech assorbe una quota consistente nella produzione globale di metalli per oltre 7 milioni di tonnellate consumate ogni anno con un valore economico superiore a 77 miliardi di dollari”, secondo la Ellen MacArthur foundation.

“Credo che si stia vedendo un cambiamento in Svezia, in questo momento”, ha concluso Blund. “Vi è una maggiore conoscenza del fatto che abbiamo bisogno di far durare le nostre cose più a lungo, al fine di ridurre il consumo di materiali”. L’economia circolare in Europa offre un’opportunità di riduzione netta dei costi annuali dei materiali tra i 340 e i 380 miliardi di dollari. Una cifra che rappresenta tra il 3 e il 3,9 per cento del pil di Bruxelles, nel 2010.

Fonte: Lifegate